L’albero di Natale a prova di Gatto

L’albero è la più classica delle decorazioni natalizie, ma avete mai pensato a quali rischi può comportare per un animale domestico?

Quell’oggetto così curioso che prima non c’era può diventare per loro un divertente passatempo!

Per prima cosa, se non ben assicurato e dotato di una base larga e stabile, l’albero di Natale può cadere addosso al nostro cane o gatto.

Può causargli solo uno spavento, qualche graffio o contusione, ma anche uno schiacciamento serio.

Dipende dalla sua dimensione, dal suo peso e dalla presenza o meno di parti acuminate.

Ad esempio, i rami in filo metallico per gli alberi sintetici o quelli in legno dotati di aghi per quelli naturali possono causare anche lesioni cutanee od oculari.

albero natale caduto gatto

Un gatto può pensare che sia spassoso arrampicarsi tra le fronde dell’albero di Natale e appollaiarsi su un ramo causandone la perdita di equilibrio.

Un cane potrebbe invece decidere di appoggiarsi contro il suo tronco o strattonarlo tirandoselo addosso.

Bisogna quindi assicurarsi che sia ben stabile e a prova di caduta.

E, in caso di animali troppo curiosi, renderlo non raggiungibile, posizionandolo in un angolo strategico, in una stanza inaccessibile al pet o circondarlo con un piccolo recinto.

albero natale gattoAd eccezione della stanza chiusa, le altre soluzioni non mettono l’albero al riparo dai gatti, ma lasciare a disposizione dei giochi, un tiragraffi o qualcosa su cui arrampicarsi potrebbe distogliere l’attenzione.

Attenzione poi ai pet che hanno la tendenza a masticare qualunque cosa.

C’è da ricordare che il legno o gli aghi, ma anche il materiale plastico di cui sono fatti alcuni alberi artificiali possono causare intossicazione o danni da corpo estraneo in caso di ingestione.

Nessun problema, invece, per quei cani o gatti che mostrano disinteresse verso l’oggetto.

Decorazioni natalizie in sicurezza

Le decorazioni rappresentano solo un aspetto dello spirito del Natale, quello sicuramente più “frivolo” e appariscente ma non meno importante per questo periodo, perché parte della nostra tradizione.

Le famiglie con figli piccoli sicuramente si preoccupano anche della loro sicurezza, poiché non tutto ciò che è bello, luminoso e scintillante è anche a prova di bambino.

Lo stesso vale se in casa si ha un cane o un gatto.

Molti animali da compagnia non degnano gli addobbi della festa più di uno sguardo incuriosito.

Molti altri però, soprattutto i cuccioli alla prima esperienza ma non solo, troveranno il modo di farsi male nella maniera più fantasiosa possibile.

Vediamo insieme i principali pericoli legati alle decorazioni natalizie che sono spesso causa di una corsa dal Medico veterinario, ma anche le possibili soluzioni per evitare questi rischi.

Palle, luci e ghirlande: pericoli e possibili soluzioni

Anche cavi con lampadine colorate, fili sintetici e palle possono attirare l’attenzione del nostro pet.

Il nostro cane o gatto potrebbe rosicchiarli e ingerirli, provocandosi danni alla cavità orale o un problema da corpo estraneo a livello gastro-enterico.

Luci colorate e corrente elettrica

I cavi elettrici delle luci a intermittenza sono percorsi da corrente, quindi il rischio folgorazione non è del tutto impossibile.

albero natale gatto decorazioni

Anche in questo caso, la trazione di una ghirlanda o della fila di lampadine può ancora una volta causare lo sbilanciamento e la caduta dell’albero.

Non dimentichiamo, poi, che un cane maschio potrebbe decidere di “marcare” l’albero.

Oltre al fastidioso odore di urina, il pericolo è sempre rappresentato dall’apparato elettrico che illumina il nostro “Christmas tree”.

Le palle di vetro

Bellissime e affascinanti le palle di vetro dell’albero, e se le tocchi dondolano, che divertimento!

Ma se cadono in terra possono finire in mille pezzi provocando lesioni alle zampe degli animali che ci camminano sopra o addirittura essere ingerite.

albero natale cane

Anche in questo caso, i più curiosi e audaci andrebbero tenuti lontani oppure si potrebbero adottare altre soluzioni decorative.

Al posto di luci elettriche e palle in vetro o plastica si possono utilizzare decorazioni in carta e cartone non trattato o altro materiale più “cat & dog friendly”.

Il presepe

Per il presepe, i rischi non sono diversi. Statuine e casette possono risultare molto interessanti da rosicchiare, con relativo rischio di ingestione di materiali non commestibili e pericolo da corpi estranei gastro-intestinali.

E lo stesso vale per fili elettrici e lucine.

Anche qui bisogna fare un po’ di attenzione e scegliere di edificare il nostro presepe in posizione sopraelevata o di proteggerlo con un piccolo recinto.

Queste accortezze potrebbero risolvere il problema “cane”, ma ahimè non fermeranno i gatti più motivati, che potranno comunque determinare la “rovinosa caduta” delle statuine con grande disappunto dei Re Magi.

Nel posizionare il presepe su un tavolo o uno scaffale bisogna comunque sempre valutare la stabilità del supporto ed evitare che il cane possa “arrampicarsi” per raggiungerlo.

Come sempre, queste indicazioni sono superflue per quegli animali che non mostrano particolare interesse verso questi nuovi oggetti.

Salvare il Natale e cane e gatto

Insomma, non è necessario negarsi il piacere delle decorazioni natalizie, ma bisogna comunque considerare tutti i rischi, esattamente come in presenza di un bambino piccolo e curioso.

Qualche accortezza e lo spirito “estetico” del Natale sarà salvo, evitando anche la corsa dal veterinario.

In caso di incidenti inevitabili è sempre indicato rivolgersi immediatamente al proprio Medico veterinario di fiducia.

E tenere comunque sempre a disposizione il recapito di una struttura aperta H24 nelle vicinanze, soprattutto nel periodo delle feste.